RASSEGNA STAMPA 11/11/2021
Fonte: Il Resto del Carlino

Da oggi al Forum Monzani il congresso degli urologi ’Urop’ Attesi oltre 500 specialisti

Riparte da Modena, dopo lo stop imposto dall’emergenza pandemica, l’attività congressuale dell’Urop, l’associazione degli urologi che esercitano l’attività urologica e andrologica nell’ospedalità privata (case di cura, strutture sanitarie private accreditate), ma anche nel servizio sanitario nazionale, oltre ai liberi professionisti ambulatoriali. Un ricco programma per le due…

[…] Leggi l’articolo su Il Resto del Carlino 

ATTIVITÀ PIÙ RECENTI

In

Addio al Prof. Sergio Leoni, un Grande Uomo e Maestro

Al via il progetto “Urop Meets”a Settembre a Malta: Urop e la Societa Maltese di Urologia si riuniscono in una giornata di scambi culturali e scientifici.

Questo sarà il primo di una serie di incontri che vedrà Urop attiva anche in ambito internazionale.

In

Addio al Prof. Sergio Leoni, un Grande Uomo e Maestro

Al via il progetto “Urop Meets”a Settembre a Malta: Urop e la Societa Maltese di Urologia si riuniscono in una giornata di scambi culturali e scientifici.

Questo sarà il primo di una serie di incontri che vedrà Urop attiva anche in ambito internazionale.

In,

Le infezioni urinarie non complicate (IVUnc) del basso apparato urinario. (…oltre le Linee Guida)

Premessa sul tema dell’antibiotico resistenza.

Gli Antibiotici sono stati sicuramente una delle scoperte più importanti dell’uomo. Hanno reso possibile non solo lo sviluppo clinico ma anche sociale ed economico.

Purtroppo, oggi, la crescente resistenza agli antibiotici è diventata una minaccia per la salute pubblica in Europa e nel mondo. Solo 70 anni dopo la loro introduzione, siamo di fronte alla possibilità di un futuro senza antibiotici efficaci per diversi tipi di batteri che causano infezioni nell’uomo.

In,

Urologia, esperti salernitani al 15° congresso UROP

“L’applicazione sempre più ampia e risolutiva dell’intelligenza artificiale nelle applicazioni medico-chirurgiche e in particolare nell’urologia, prefigura scenari di interazione fino a ieri inimmaginabili: l’essere umano e la macchina si plasmeranno, entreranno in connessione, evolvendo insieme. L’uomo è già in grado di addestrare il computer, che così potrà, sulla base delle caratteristiche della persona, estrapolare tempestivamente le informazioni più utili per la cura, attingendo da una enorme mole di informazioni, con una modalità e tempi inimmaginabili per noi umani. Un’alleanza che non deve spaventarci, il computer è funzionale, supportando le decisioni terapeutiche del medico e del paziente.

© Copyright - Urop